Regolarizzazione migranti, Landini: “Misura non più rimandabile”

migranti regolarizzazione landini

Cresce sempre più il fronte favorevole alla regolarizzazione dei lavoratori stranieri per salvare il settore agricolo.

Il governo Conte sta ragionando sulle modalità per introdurre questa misura, che andrebbe a salvaguardare l’agricoltura dopo i numerosi allarmi lanciati da Confagricoltura, Coldiretti e tante altre organizzazioni.

Con la diffusione del contagio da coronavirus e la conseguente mancanza di lavoratori stagionali, circa il 35% del raccolto rischia di rimanere nei campi, con un inevitabile tracollo economico di proporzioni gigantesche.

Negli ultimi giorni è circolata già una bozza di legge, e nel frattempo diverse voci si sono levate a sostegno della regolarizzazione dei migranti.

Ieri è stata la volta del ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, che ha confermato come la misura su cui sta ragionando l’esecutivo “non è una sanatoria”.

Anche il segretario della CGIL, Maurizio Landini, è intervenuto a Radio Anch’io su Rai Radio Uno per chiedere che si arrivi il primo possibile ad una definizione.

E’ ora di regolarizzare i lavoratori stranieri costretti a lavorare nei campi e a vivere nei ghetti – le parole di Landini riportate da Askanews – Si parla sempre di frutta che rischia di non venire raccolta, pensiamo anche a chi la raccoglie“.

Emma Bonino, una delle prime ad evidenziare la necessità di far emergere gli stranieri dal lavoro nero, è tornata sull’argomento sottolineando che la misura deve riguardare colf e badanti.

“Abbiamo anziani soli a casa e badanti irregolari che hanno paura di uscire perché non hanno i documenti in regola per accompagnarli a fare la dialisi o la spesa – ha detto la Bonino – Stiamo parlando di oltre un milione di persone, di cui abbiamo assolutamente bisogno”.

About the Author

Roberto
Roberto
Autore esperto di immigrazione, stranieri e di tematiche relative alla cittadinanza

1 Comment on "Regolarizzazione migranti, Landini: “Misura non più rimandabile”"

  1. Is there any chance for a sanatoria in Italy

Leave a comment

Your email address will not be published.


*