Cittadinanza francese per “spiderman” giovane maliano

La Francia ha un nuovo eroe. Hanno fatto il giro del mondo le immagini riprese con il cellulare da un passante, che mostrano l’incredibile gesto di Mamoudou Gassama, 22 anni, originario del Mali, che è riuscito a scalare a mani nude quattro piani di un palazzo per salvare la vita ad un bimbo di soli 4 anni. Il fatto è avvenuto sabato 26 maggio, nell’XVIII arrondissement di Parigi.

Alcuni abitanti del quartiere si sono resi conto che al quarto piano di un palazzo della zona nord della capitale francese c’era un bimbo sospeso nel vuoto, aggrappato disperatamente al balcone per non precipitare.

I passanti hanno avvertito immediatamente i vigili del fuoco, ma Mamoudou Gassama ha deciso di fare tutto da solo, arrampicandosi sulla facciata dell’edificio. In pochi istanti, il 22enne maliano ha raggiunto il bimbo, riuscendo a portarlo in salvo.

Lo straordinario salvataggio ha avuto un’eco gigantesca in Francia ma anche all’estero. Il video della sua impresa è stato pubblicato sui social e su Youtube ed è diventato incredibilmente virale, con milioni e milioni di visualizzazioni.

Anche per questo il presidente transalpino Emmanuel Macron ha voluto ricevere all’Eliseo l’uomo, che è risultato un sans-papier, ovvero sprovvisto di documenti di cittadinanza e identità.

Regolarizzazione e procedura di naturalizzazione francese

Macron ha chiesto al giovane maliano di raccontargli come sono andati i fatti. In seguito al colloquio, il presidente francese ha deciso di provvedere alla regolarizzazione di tutti i suoi documenti, proponendogli l’avvio della procedura per la naturalizzazione per la cittadinanza francese. La proposta è stata accettata con entusiasmo da Mamoudou.

Ma non è tutto. Stando a quanto riportato dai media francesi, il Capo dello Stato ha anche proposto al 22enne maliano di entrare a far parte dei vigili del fuoco di Parigi.

L’incontro con Macron è stato salutato con soddisfazione dall’associazione SOS Racisme, che aveva già chiesto al ministero dell’Interno di regolarizzare la posizione del giovane dopo il suo eroico salvataggio.

Nel frattempo, le forze dell’ordine stanno portando avanti un’indagine sull’intera vicenda. Stando ai primi dettagli emersi nelle ultime ore, sembra che il piccolo sia stato lasciato da solo in casa dal padre, un uomo di 37 anni senza precedenti penali.

Il papà del bimbo, attualmente in stato di fermo, dovrà rispondere dell’accusa di mancata sorveglianza nei confronti di suo figlio. Al momento dei fatti la madre non era in casa ma si trovava fuori città. Il bambino si trova ora in una struttura di accoglienza.

Mamoudou ha infine raccontato alle tv francesi che è riuscito a salvare il piccolo solo grazie all’aiuto di Dio.

About the Author

Roberto
Roberto
Autore esperto di immigrazione, stranieri e di tematiche relative alla cittadinanza

Leave a comment

Your email address will not be published.


*