Ventimiglia, prostituzione minorile e minorenni stranieri

Ventimiglia, ex cuoco arrestato per aver adescato minorenni stranieri

Dopo una serie di appostamenti e riscontri i poliziotti del commissariato di Ventimiglia hanno bloccato e arrestato un uomo sospettati di prostituzione minorile. Rischia fino a 12 anni

L’accusa è pesante: prostituzione minorile. Per questo a Ventimiglia un ex cuoco ora in pensione anche se ha meno di sessant’anni è stato bloccato e tradotto in carcere dagli uomini del locale commissariato guidato da Saverio Aricò.

Tutto è partito dalle segnalazioni degli operatori di un Ente che si occupa di migranti nella cittadina imperiese e ai quali nel recente passato l’uomo si era rivolto per offrirsi come volontario anche se in realtà si è scoperto che le sue intenzioni erano ben altre.

Dopo alcuni appostamenti infatti i poliziotti hanno scoperto che l’ex cuoco aveva irretito quattro ragazzini pakistani tra i 14 e i 16 anni che con l’offerta di somme irrisorie di denaro o anche soltanto qualche lattina di bibita venivano convinti a seguirlo in una cantina di un palazzo in via Cabagni Baccini dove si consumavano le violenze nei loro confronti.

migranti ventimiglia

profughi migranti Ventimiglia

Le prove raccolte dagli investigatori sembrano parlare chiaro: nella cantina che l’uomo possedeva in quel palazzo c’era tutto l’occorrente per consumare rapporti con i ragazzini che l’uomo adescava nei pressi dell’Ente di via Dante dove erano seguiti dagli operatori sociali, oppure in centro città o ancora su internet. Dopo aver raccolto le prove nei riscontri necessari a stabilire il coinvolgimento dell’ex cuoco è scattato il suo arresto su richiesta del sostituto procuratore di Genova, dottoressa Gabriella Dotto.

Approfondimento : tutela minori stranieri e permesso di soggiorno

Si è anche scoperto che mentre a Ventimiglia e dintorni nessuno in realtà conosceva l’orientamento sessuale e i vizi dell’uomo, c’erano già comunque diversi precedenti risalenti a quando risiedeva in Lazio anche perché il suo modus operandi era rimasto lo stesso: approfittare della fragilità di ragazzini in condizionati disagiate e con condizioni difficili alle spalle ai quali prometteva di dare una mano.

Gli appostamenti della polizia di Ventimiglia hanno permesso di scoprire questo nuovo orrore e sembra che in carcere l’arrestato abbia ammesso di essere tentato da ragazzi giovani. Intanto però rischia una condanna che va da sei a dodici anni.

Approfondimento : minori stranieri non accompagnati

About the Author

stranieri-admin
stranieri-admin
Webmaster ed esperto in diritto immigrazione