Ventimiglia, musulmana leva il velo durante la funzione religiosa cristiana

velo islamico

Un gesto che ha destato certamente stupore è stato quello compiuto da una donna musulmana che ieri, domenica 31 agosto, durante la celebrazione della Messa a Ventimiglia, ha tolto il velo in segno di rispetto verso i fedeli cristiani ed ha invitato musulmani e cristiani a non avere paura gli uni degli altri.

Togliersi il velo è stato un segno di rispetto verso la celebrazione cristiana, ma anche per evitare epiteti ingiuriosi da parte di passanti nella passeggiata a mare di Ventimiglia.

Il tutto è accaduto durante la funzione religiosa celebrata da padre Francesco Marcoaldi, impegnato nel dialogo tra religioni, alla quale ha preso parte anche una delegazione di musulmani guidata da Mohmed Babi del centro culturale fratellanza di Ventimiglia per condannare gli atti terroristici in Europa.

 hiyab o velo islamico


hiyab o velo islamico

La donna ha così deciso di intervenire durante la Messa scoprendosi il capo e raccontando a tutti i presenti il disagio ed il dolore che prova ogni qual volta, camminando anche solo sul lungomare, si sente etichettare come “terrorista” dai passanti ed ha affermato rivolgendosi ai fedeli cristiani “Noi siamo tutti figli di Dio, i musulmani non vi fanno male perchè siamo tutti fratelli e sorelle”.

Alla luce di quanto successo, anche il Vescovo si è espresso usando queste parole: “Quella di oggi è una risposta effettiva e concreta all’Islam estremista, in quanto ciò che colpisce in questi efferati atti barbari, è che sono andati a tentare quello che è il cuore del Cristianesimo. L’incontro avviene nella semplicità di una piccola comunità cristiana, dove oggi si celebra il sacramento della confermazione. Questo ci riconduce al contesto cui è avvenuto l’omicidio di padre Jacques Hamel“.

fonte ansa

About the Author

MARIA ELENA Virga

“Appassionata di scrittura in ogni sua forma, sono
riuscita a trasformare il mio sogno nel mio lavoro. Mi nutro di libri
per la loro magica capacità di riuscire a saziare la mia anima.”