Turchia nuovo passo verso UE nel dopo brexit UK

accordo-turchia-ueTurchia UE

Aperto un nuovo capitolo nei negoziati per l’adesione della Turchia all’Ue, incontro positivo tra l’Alto Commissario Mogherini e l’emissario del governo turco

Il cammino è ancora lungo, ma per la Turchia ora è un po’ più vicina l’adesione all’Unione Europea. È questo l’esito del nuovo incontro previsto per conferenza intergovernativa Ue-Turchia e che è servito per aprire un capitolo importante nei negoziati per l’adesione, quello che riguarda in particolare le questioni finanziarie e di bilancio.

Dal 2005 ad oggi in effetti ne sono stati aperti sedici (compreso questo) sui 35 previsti, ma soltanto uno è stato chiuso definitivamente. In particolare questo rientra nell’accordo che a marzo Unione Europea e governo turco hanno siglato per cercare di bloccare il flusso di migranti in arrivo sulle isole greche.

Un capitolo che ha registrato anche il parere positivo di Cipro, solitamente invece molto critica sullo stato dei negoziati di adesione della Turchia.

turchia unione europea

turchia unione europea

La Commissione Europea intanto ha annunciato di avere quasi ultimato l’apertura di altri cinque paragrafi negoziali e Federica Mogherini, Alto Rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza ha evidenziato come la Turchia debba rispettare standard altissimi quando si parla di democrazia, Stato di diritto e rispetto delle libertà fondamentali, ivi compresa la libertà di espressione e dei media. “Questi sono i valori fondamentali – ha ribadito – che tutti i Paesi candidati devono promuovere e difendere”.

L’Alto Commissario nelle ultime ore ha incontrato il ministro degli Affari europei turco, Ömer Çelik, che è il punto di contatto con il governo di Ankara.

Nel meeting si è parlato dell’importanza fondamentale dei negoziati di pace con Cipro, ma anche delle sfide per la liberalizzazione dei visti e dei flussi migratori. Mogherini ha anche riaffermato la necessità di un dialogo politico interno autentico che porti ad una di pace con i curdi, anche se ha constatato che l’Ue riconosce il Pkk come organizzazione terroristica.

About the Author

SONIA Paolin
Articolista in settore immigrazione di navigata esperienza