Polfer, controlli durante le feste: rintracciati 26 stranieri irregolari

polizia ferroviaria controlli irregolari

In questo periodo di festa non si è attenuato l’impegno della Polizia Ferroviaria in Friuli Venezia Giulia.

Anzi, stando ai numeri riportato dall’agenzia ANSA sembra che le forze dell’ordine, presenti soprattutto negli scali ferroviari, abbiano addirittura intensificato i controlli per garantire la massima sicurezza alla popolazione della regione.

Dal 18 dicembre al 6 gennaio, i controlli effettuati dalla Polizia Ferroviaria hanno portato all’identificazione di 1.847 persone, di cui 599 di nazionalità straniera. 34 di queste persone sono sotto indagine per accertamenti, mentre una persona è stata arrestata.

L’attività incessante della Polizia Ferroviaria ha portato anche all’individuazione di 9 minori non accompagnati, che sono stati prontamente restituiti alle rispettive famiglie o collocati in comunità.

Rintracciati anche 26 cittadini stranieri irregolari e sequestrato durante i vari controlli un totale di oltre un etto di sostanze stupefacenti. Tutto ciò è stato possibile grazie all’impiego di 662 pattuglie, oltre a 320 treni scortati.

“In considerazione dell’aumento dei flussi turistici durante il periodo natalizio, il Compartimento ha compiuto una serie di servizi straordinari di controllo e vigilanza nelle stazioni ferroviarie, a bordo dei treni, negli scali di competenza e nelle aree esterne limitrofe per assicurare che gli spostamenti si svolgessero in sicurezza”, hanno fatto sapere le FdO.

Tutta la linea ferroviaria del Friuli Venezia Giulia ha visto la presenza di agenti della Polfer all’interno delle stazioni e a bordo treno, proprio con l’obiettivo di prevenire e reprimere possibili illeciti lungo le varie tratte.

About the Author

Roberto
Roberto
Autore esperto di immigrazione, stranieri e di tematiche relative alla cittadinanza

Be the first to comment on "Polfer, controlli durante le feste: rintracciati 26 stranieri irregolari"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*