Merkel : pronti ad ospitare stranieri da Italia con permesso di soggiorno

angela merkel immigrazioneangela merkel immigrazione

Apertura Merkel: “Accoglieremo migranti da Italia e Grecia”

Al Vertice di Vienna sull’immigrazione Angela Merkel si è detta disposta ad ospitare in Germania centinania di migranti con permesso di soggiorno

Quello che l’Italia chiede da tempo per l’accoglienza dei migranti forse sta per trasformarsi in realtà: la Germania infatti per bocca della cancelliera Angela Merkel si è detta disposta ad accogliere ogni mese centinaia di profughi in arrivo da Italia e Grecia sempre che in regola con il permesso di soggiorno.

Un annuncio arrivato al vertice di Vienna dedicato espressamente all’emergenza migranti. Intervistata da una tv turca, Angela Merkel ha confermato di non volersi sottrarre alla responsabilità umanitarie che la situazione richiede, anche se il primo obiettivo è quello di fermare l’immigrazione clandestina. “Adesso è necessario siglare accordi con i Paesi terzi, specialmente in Africa ma anche con Pakistan e Afghanistan, in modo da chiarire come tutti quelli che non hanno il diritto di stare in Europa possano tornare nei loro Paesi”.

Un’apertura che però rischia di creare ancora maggiore tensione in Germania e di fare perdere ulteriori voti al suo partito a meno di un anno dalle elezioni politiche.

Al vertice era ovviamente presente il cancelliere austriaco Christian Kern che ha sottolineato la necessità di riprendere in mano il controllo dei confini esterni dell’Unione Europea, intendendo non solo quelli che si affacciano sul mar Mediterraneo, ma anche le frontiere interne, come quella tra la Grecia e la Macedonia. Una posizione sulla quale concorda anche il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk: “Dobbiamo essere certi – ha sottolineato – che i Balcani occidentali rimangano chiusi all’immigrazione illegale”.

Il premier serbo Vucic però, come ha confermato il ministro degli esteri Dacic, non ha comunque nessun progetto di innalzare muri anti-immigrati, come avvenuto in altri Paesi a cominciare dall’Ungheria, ma rivendica il fatto che la Serbia nella crisi dei migranti è vittima di una mancata politica unitaria da parte della Ue.

Infatto visto che altre nazioni nella parte settentrionale dell’area balcanica hanno chiuso i confini, la Serbia rischia di rimanerne vittima.

About the Author

Sonia
Articolista in settore immigrazione di navigata esperienza