In Italia arrivano meno migranti: lo conferma l’ISTAT

I migranti in ingresso nel nostro Paese sono in diminuzione. A confermarlo sono i dati ISTAT, che certificano come nel 2018 siano stati rilasciati 242.009 nuovi permessi di soggiorno contro i 262.770 dell’anno precedente. Ciò significa che in 12 mesi si è avuto un calo del 7,9%.

Ma quali sono le tipologie di permesso di soggiorno che appaiono maggiormente in diminuzione?

Come evidenziato nel rapporto ISTAT, a crollare sono soprattutto i permessi per richiesta di asilo (-41,9%), anche se i cittadini ucraini ne fanno più richiesta rispetto al passato (+21,2%).

Ad aumentare sono invece i permessi di soggiorno per motivi di lavoro (+19,7%) e per ricongiungimento familiare (+8,2%).

Non solo: sempre stando a quanto riferito dall’ISTAT nell’ultimo “report”, sono in forte aumento anche gli studenti stranieri che decidono di venire a studiare in Italia. La crescita, in tal senso, è del 20%, con la presenza più massiccia rappresentata dai cittadini cinesi.

I permessi di soggiorno vengono rilasciati soprattutto nelle regioni del Nord Italia (+56%), mentre nelle regioni meridionali molto meno (23%). Nel Mezzogiorno sono piuttosto numerosi i permessi emessi per asilo o protezione internazionale: il dato ISTAT indica un 41%, quasi uguale al 42% che riguarda invece le regioni settentrionali.

Per quanto riguarda invece le provenienze, davanti a tutti ci sono nuovamente Albania e Marocco, due Paesi che hanno sempre visto forti migrazioni verso l’Italia.

Il rapporto ISTAT evidenzia invece un calo di permessi nei confronti dei cittadini nigeriani (-40%).

In diminuzione anche gli arrivi dal Bangladesh e dal Pakistan, mentre aumentato i permessi concessi ai cittadini indiani.

About the Author

Roberto
Roberto
Autore esperto di immigrazione, stranieri e di tematiche relative alla cittadinanza

Be the first to comment on "In Italia arrivano meno migranti: lo conferma l’ISTAT"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*