In aumento le aggressioni ai medici stranieri: +35% negli ultimi 3 anni

medici stranieri aggressioni

Le aggressioni nei confronti dei medici stranieri sono in netto aumento.

A rivelarlo è il dipartimento della gioventù e seconda generazione dell’Associazioni medici di origine straniera in Italia (Amsi) che rappresenta i professionisti della sanità giovani di origine straniera con circa 5000 medici sotto i 35 anni.

Nella nota stampa in cui il Dipartimento ringrazia il ministro della Sanità, Roberto Speranza, per l’impegno volto all’aumento delle borse di specializzazione e al miglioramento del trattamento economico per i medici, viene tuttavia espresso anche un certo rammarico “per non aver trovato ad oggi ne’ proposte ne’ soluzioni riguardo l’obbligo della cittadinanza per poter sostenere i concorsi pubblici per i medici stranieri e affrontare le discriminazioni  e aggressioni razziste nei confronti del medici e professionisti stranieri”.

Gli ultimi dati rivelano infatti che negli ultimi 3 anni le aggressioni nei confronti dei medici stranieri sono aumentate del 35%.

Nel 2019 sono giunte all’AMSI oltre 300 segnalazioni da tutte le regioni italiane, con un evidente “picco” in Lombardia, Trentino e Veneto.

Il presidente dell’Amsi e Membro del Gruppo Salute Globale Fnomceo, Foad Aodi, precisa che la burocrazia va spesso a “soffocare” l’attività professionale dei medici e dei professionisti stranieri, che devono oltretutto fare i conti con problematiche come il permesso di soggiorno e il richiesto livello di certificazione di lingua italiana C1 che comporta inevitabilmente costi elevati e un certo periodo di tempo per l’ottenimento.

Condizioni che ogni anno spingono sempre più medici a lasciare il nostro Paese. Foad Aodi rivela che circa 4.000 medici lasciano l’Italia ogni anno “per una meta migliore dal punto di vista economico”.

About the Author

Roberto
Roberto
Autore esperto di immigrazione, stranieri e di tematiche relative alla cittadinanza

Be the first to comment on "In aumento le aggressioni ai medici stranieri: +35% negli ultimi 3 anni"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*