Detenuti stranieri in Italia, rimpatri ed espulsioni per ridurre le spese

Rinchiudiamoli… a casa loro“. Due deputati umbri di Fratelli d’Italia, Franco Zaffini e Emanuele Prisco, ha sollevato l’attenzione sul problema dei criminali stranieri all’interno delle nostre carceri.

Stando a quanto sostenuto da Zaffini e Prisco, infatti, le galere italiane sarebbero sovraffollate anche a causa della presenza di molti detenuti stranieri, che comporterebbero oltretutto un costo non indifferente per le casse dello Stato.

Zaffini e Prisco hanno evidenziato i dati che riguardano le carceri della Regione Umbria. Dall’ultima indagine effettuata, è emerso che su 1331 posti disponibili tra Terni, Perugia, Orvieto e Spoleto risultino presenti 1369 condannati a vario titolo.

Di questi, ed è su questo che si soffermano principalmente i due deputati umbri, 518 sono stranieri (il 38%). Per Zaffini e Prisco tutti questi criminali stranieri potrebbero proseguire la loro pena nelle carceri dei loro rispettivi Paesi.

D’altronde, questa problematica non interessa soltanto l’Umbria, ma è estesa a tutto il territorio italiano. Basti pensare che negli istituti penitenziari italiani sono presenti 58.759 detenuti (l’ultimo dato risale al 30 giugno scorso, ndr): di questi, 19.868 sono stranieri.

Chiaramente, ognuno di loro ha un costo, come precisano i due deputati di Fratelli d’Italia.

Insieme al vitto e all’alloggio, ci sono da sostenere le spese per il mantenimento delle prigioni, gli stipendi degli agenti penitenziari, la manutenzione dei mezzi sempre più obsoleti utilizzati per le scorte e le traduzioni, quindi le spese sanitarie (farmaci, visite specialistiche e scorte di metadone), alle quali si aggiungono figure professionali come, tra gli altri, educatori e psicologi.

Per questo, fanno sapere Zaffini e Prisco, si arriva ad un costo medio per ogni detenuto che supera le 300 euro.

Tirando le somme, si arriva ad ottenere una cifra davvero considerevole.

Anche nella Regione Umbria: facendo un rapido calcolo viene subito fuori una spesa di 155 mila euro al giorno, ovvero 4,6 milioni al mese e 56 milioni di euro ogni anno.

L’Italia spende all’incirca 3802 euro all’anno per ogni detenuto: questo vuol dire che i criminali stranieri che albergano nelle galere italiche comportano una spesa complessiva di 75 milioni di euro.

La soluzione per i due deputati di Fratelli d’Italia è molto semplice: rispedirli nel loro Paese, dove potranno finire di scontare la loro pena.

Tuttavia si tratta di una strada non semplicissima, come sottolineano Zaffini e Prisco: “Vanno rivisti e incrementati gli accordi bilaterali per trasferire immediatamente gli stranieri condannati anche quando non viene prestato il consenso”.

Be the first to comment on "Detenuti stranieri in Italia, rimpatri ed espulsioni per ridurre le spese"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*