Cittadinanza turca ai siriani, le parole di Erdogan

erdogan cittadinanza turca

Il governo Turco per bocca del suo presidente Erdogan ha comunicato che il governo di Ankara porta avanti un progetto che renderà possibile ai rifugiati di origine siriana di acquisire il passaporto turco.

Parlando nella cittadina di confine di Kilis “Il ministero dell’Interno della Turchia sta lavorando per venire incontro al desiderio di tanti siriani di diventare cittadini turchi” il presidente Recep Tayyip Erdogan ha spiegato che il governo vuole dare “una chance ai fratelli e sorelle siriani di divenire cittadini turchi a tutti gli effetti”.

Sono circa 2 milione e 700 mila i rifugiati siriani in Turchia, fuggiti dalla Siria a partire dal 2011, man mano che gli scontri in Siria divenivano sempre più accesi.

“L’organizzazione chiamata ISIS (tradotto in italiano come Stato Islamico dell’Iraq e della Siria Islamic State of Iraq and Syria, ISIS) è una marionetta per impedire che questa gente possa fare ritorno a casa e decidere del proprio futuro. Stessa cosa vale per i curdi siriani del Pyd e Ypg, marionette manovrate da altri”.

Recep Tayyip Erdogan ha poi continuato “come l’Isis non rappresenta l’Islam, così il Pyd non rappresenta i curdi”, sottolineando come il governo di Ankara “non ha mai cambiato la propria posizione sulla Siria negli ultimi 6 anni”.

Il presidente Turco ha rilasciato queste dichiarazione durante un iftar, il pasto serale (celebrato dopo aver recitato il Maghrib) consumato dai musulmani per interrompere il loro digiuno giornaliero durante il mese islamico del Ramadan.

Edogan ha concluso dicendo “Noi vi consideriamo come nostri fratelli e sorelle, non siete lontani dalla vostra terra, ma solo dalle vostre case, perché la Turchia è anche la vostra patria

Alcuni siti di informazione hanno evidenziato come la presenza siriana in Turchia è di stimolo all’economia e incide sul PIL del paese, tanto che statisticamente su dieci nuove imprese tre sono di siriani.

About the Author

stranieri-admin
stranieri-admin
Webmaster ed esperto in diritto immigrazione