Bracciante straniero pestato e licenziato per una mascherina

straniero pestato e licenziato per una mascherina

Ha chiesto di poter lavorare in sicurezza e come risposta è stato aggredito e licenziato.

E’ accaduto a Latina, dove un imprenditore 52enne è stato arrestato dalla Polizia e si trova ora ai domiciliari.

Le forze dell’ordine hanno anche imposto al figlio 22enne l’obbligo di firma in commissariato. Per entrambi le accuse sono molto pesanti: si va dall’estorsione alla rapina, fino alle lesioni personali aggravate.

Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, l’imprenditore agricolo faceva lavorare i suoi dipendenti nei campi della provincia di Latina senza alcun rispetto delle norme igienico-sanitarie, diventate ancora più importanti in questo periodo caratterizzato dalla pandemia di coronavirus.

I lavoratori stranieri, oltre che sottopagati e sfruttati, venivano mandati nei campi senza mascherine e guanti.

Quando un dipendente ha chiesto di poter ricevere i dispositivi di protezione per difendersi da un possibile contagio da Covid-19, l’imprenditore 52enne ha perso la testa.

Il datore di lavoro lo ha dapprima licenziato in tronco, ma il peggio si è verificato alla richiesta successiva di poter ricevere almeno la paga per il lavoro svolto.

Il dipendente, un 33enne di origini indiane, è stato insultato, preso a calci e pugni e gettato in un canale di scolo.

La vittima si è recata al pronto soccorso dell’ospedale di Terracina con ferite alla testa provocate da un corpo contundente, fratture e lesioni in varie parti del corpo.

Quando la polizia si è recata presso l’azienda di Borgo Hermada ha riscontrato che il racconto del 33enne corrispondeva al vero.

Sono state proprio le forze dell’ordine a descrivere “un sistematico sfruttamento economico, con condizioni di lavoro difformi alla vigente normativa in materia di sicurezza e sanitaria”.

Oltre alla totale assenza di dispositivi di sicurezza, ai lavoratovi veniva corrisposta una misera paga di 4 euro l’ora, per 12 ore di lavoro giornaliere. Inoltre, in busta paga sarebbe stato contabilizzato soltanto un terzo delle giornate di lavoro effettivamente prestate.

About the Author

Roberto
Roberto
Autore esperto di immigrazione, stranieri e di tematiche relative alla cittadinanza

Be the first to comment on "Bracciante straniero pestato e licenziato per una mascherina"

Leave a comment