Brexit, fissata la data per la prima udienza legale per bloccare l’articolo 50

brexit UK inghilterra unione europeabrexit UK inghilterra UE unione europea

La prima azione legale contro Brexit da un privato cittadino inglese è stato scadenzati per il 19 luglio 2016 a favore di un parrucchiere. In breve gli avvocati del signor Deir Dos Santos affermano che la decisione dell’attuazione del Brexit deve essere presa in Parlamento

Questa è la prima causa che cerca di rallentare la Brexit attraverso i tribunali e diverse altre sono però in preparazione da studi legali inglesi per conto di altri assistiti.

Gli avvocati che rappresentano Deir Dos Santos, un cittadino britannico, hanno presentato una sfida giudiziaria. Si sosterrà che ad attuare l’articolo 50 – per avviare formalmente il processo di ritiro del Regno Unito dall’Unione europea – può essere fatto solo con l’approvazione del Parlamento e non solo dal Primo Ministro.

La maggior parte dei deputati in Parlamento UK ha votato di rimanere nell’Unione Europea. Si evidenzia inoltre come l’approccio di un pro-Brexit Primo Ministro inglese, come ad esempio Andrea Leadsom, potrebbe significare in termini di strategia di uscita del Regno Unito è nettamente diversa da quella di un leader pro-remain, come Theresa May.

Gli elettori britannici hanno scelto di lasciare l’Unione europea il 23 giugno attraverso una consultazione popolare che ha scosso i mercati, agitato i principali partiti politici inglesi e portato alle dimissioni del primo ministro David Cameron.

Il parrucchiere Signor Dos Santos è “solo un ragazzo normale“, il suo avvocato, Domenico Chambers , ha detto al Bloomberg “Se i suoi diritti stanno per essere portato via, egli vuole che sia fatto in modo corretto e legale.”

Mr Chambers ha aggiunto: “Lo scopo di un controllo giurisdizionale è quello di correggere l’esecutivo quando ha sbagliato .. l’esecutivo abuserà dei suoi poteri se darà notifica dell’articolo 50 senza l’approvazione del Parlamento.

L’affermazione, riportata nel Guardian , sosterrà : “Il risultato del referendum non è giuridicamente vincolante, nel senso che è solo consultivo e non vi è alcun obbligo [per il governo] di dare esecuzione alla decisione del referendum.

“Tuttavia il primo ministro inglese ha già dichiarato in numerose occasioni che è sua intenzione di dare esecuzione alla decisione del referendum e organizzare il ritiro del Regno Unito dall’Unione europea

fonte independent.co.uk

Che cosa è l’articolo 50 ?

Si tratta di una clausola del trattato di Lisbona che definisce il processo legale per un paese dell’Unione Europea di notificare che intende ritirarsi dal UE. Una volta che la notifica è data i negoziati devono essere conclusi entro due anni. Ogni estensione ha bisogno del consenso di tutti i membri dell’UE . Durante il processo il Regno Unito resta un membro dell’Unione europea.

approfondimento : cittadini italiani nel dopo brexit

About the Author

stranieri-admin
stranieri-admin
Webmaster ed esperto in diritto immigrazione